Itinerario romanico da Calvi dell’Umbria a Tarano sabino.

Per percorrere l'Itinerario Romanico, suggeriamo di iniziarlo da Calvi dell'Umbria, facilmente raggiungibile una volta usciti dall'autostrada RomaFirenze a Magliano Sabina. Un bivio ben segnalato vi indicherà la direzione di Calvi, e presto vi troverete sulla 'cresta' delle colline potendo ammirare, sia a destra che a sinistra. un ampio panorama della campagna umbra che all’infinito ideale si congiunge con quello della Sabina. Dopo pochi chilometri. in lontananza si delinea il profilo di Calvi e, prima di raggiungerlo, una sosta alla chiesa di san Francesco è consigliabile. Si narra che il santo, passando da Calvi, ordinò di costruire un piccolo convento accanto al quale. nel XIV secolo, venne eretta la chiesa. L’interessante struttura si trova in un totale stato di degrado. Proseguendo si raggiunge il Comune di Calvi dell'Umbria la cui origine risale alla distruzione di Ocria, importante porto fluviale dell'Impero romano, a seguito della quale la popolazione si rifugiò sul colle chiamato Monte Calvo. In origine il paese apparteneva alla Sabina e solo tra il 1823 e il 1829 papa Leone XII lo assegnò alla diocesi di Narni. Conosciuto per le sue chiese, Calvi è noto anche per gli archivi notarili risalenti al XV secolo e per il presepe monumentale risalente al 1546 realizzato dai fratelli Giacorno e Raffaele da Montereale.
La Natività è il tema centrale dei murales che possono essere ammirati lungo le strade del paese e dal 1984 è un susseguirsi di interpretazioni e di stili ad opera di artisti italiani e stranieri.
Lasciando Calvi per riprendere la strada verso Montebuono, dove è possibile ammirare la chiesa di s. Pietro ai Muricento risalente al 1105, bisogna fare attenzione all’indicazione di Fianello Sabino che troverete sulla vostra destra. Antico borgo medioevale di origine longobarda, le cui mura di cinta sono formate dalle case attaccate le une alle altre.
Insieme architettonico particolarmente suggestivo racchiude in se dei piccoli gioielli tra cui la chiesa romanica di s. Maria, la torre longobarda de 600 d. C., la chiesa di s. Giovanni Battista ed il palazzo SavelliOrsini.
Fianello, forse tra i pochi casi in Italia, è dotato di un Forno risalente al XV secolo e tutt'ora funzionante. Il “miracolo" di salvare questo Borgo lo si deve all'Associazione Fianello che con grande dedizione e attenzione alle tradizioni storicoarchitettoniche lentamente lo stà portando a nuova e accogliente, per il visitatore, vita.
Lasciato Fianello si riprende la strada per Montebuono e prima di raggiungere Tarano, ultima tappa dell'itinerario, è importante fermarsi a s. Pietro ai Muricento la cui struttura ricalca una villa di epoca romana. Prima che venisse formato il paese la chiesa di san Pietro rappresentava il punto di riferimento della comunità rurale della zona; successivamente, dopo l'edificazione del castello di Montebuono, tra il XIII ed il XIV secolo, l'importanza della chiesa venne meno a favore della chiesa di s. Maria Assunta costruita all'interno del castello.
Le notizie di Tarano, invece. risalgono al 952 d. C. e si dipanano lungo l'arco della storia che ha segnato questa parte della Sabina, essenzialmente tra quelle che alternativamente hanno visto le diverse parti della Chiesa in lotta tra loro e le famiglie referenti della stessa. La chiesa di s. Maria Assunta, che una epigrafe marmorea indica come probabile data di costruzione il 1114, rappresenta l'edificio religioso più importante, ricco di decorazioni pittoriche. Di particolare interesse è anche la struttura architettonica e il rosone cosmatesco.